Piante fruttifere

Cerchi una fornitura di piante vicino alla tua abitazione?

In questa sezione potrai richiedere un preventivo gratuito per ogni servizio di cui hai bisogno.

I vivai della tua zona ti contatteranno fornendoti varie offerte.

In questo modo potrai confrontare i diversi preventivi e scegliere quello che fa al caso tuo!


Descrizione Piante fruttifere

Le piante fruttifere si distinguono in piante da frutti maggiori, come il melo, il pero, il pesco, l’albicocco, il mandorlo, la vite, il ciliegio, olivo ecc; piante da frutti minori, come noce, castagno, nocciolo, corbezzolo, pistacchio, gelso, cotogno, fico, kako, melograno, nespolo; piante da frutti tropicali come ananas, avocado, mango, banano; e le piante di agrumi come l’arancio amaro, dolce e trifogliato, il mandarino, il limone, il bergamotto, il cedro, il chinotto, il mapo ecc.

Sono piante fruttifere maggiori: l’albicocco, molto diffuso in Italia meridionale e caratterizzato da una fioritura precoce, soffre particolarmente nel caso di ritorni delle gelate nel periodo primaverile; il mandorlo, caratterizzato da fiori ermafroditi bianchi, prevede la raccolta del frutto tra fine agosto e fine settembre; il melo, forse il più diffuso delle piante fruttifere, viene coltivato prevalentemente in Italia settentrionale, è originario delle zone sud caucasiche, ed è caratterizzato da dimensioni medio-elevate che possono raggiungere gli 8/10 metri; anche la coltivazione dell’olivo è particolarmente diffusa.
L’olivo è una pianta sempreverde che necessita di un clima mite e di luoghi soleggiati; richiede inoltre una concimazione costante per sostenere i preziosi frutti.
Tra le piante fruttifere minori citiamo: il castagno, presente in quattro varietà principali i marroni, le castagne, e gli ibridi come le euroggiaponnesi e le giapponesi. Il castagno, in particolare quello europeo, è molto longevo, ma come tutte le piante di castagno può essere soggetto al cancro della corteggia.

Il nocciolo, invece, originario dell’Asia minore, può essere coltivato sia in pianura che in zone montagnose fino a 1300 metri.
Il noce, la cui coltivazione è diffusa soprattutto in Campania, si trova nelle varietà Sorrento, franquette, hartley e malizia.

Tra le piante fruttifere da agrumi l’arancio amaro è molto più resistente alle basse temperature rispetto a quello dolce; mentre il limone è un specie cosiddetta rifiorente: la fioritura principale è in primavera, con la produzione dei limoni invernali, e a settembre con la produzione dei verdelli che maturano nel periodo estivo.

Trova il professionista per Piante fruttifere nella tua zona